Clinica

La base genetica dei tentativi di suicidio, ecco i fattori in gioco

dic22021

La base genetica dei tentativi di suicidio, ecco i fattori in gioco

Uno studio pubblicato su Biological Psychiatry ha identificato una regione del genoma sul cromosoma 7 contenente variazioni del DNA che aumentano il rischio che una persona tenti il suicidio . Lo studio, portato avanti dall'International Suicide Genetics...
transparent
Un nuovo biomarcatore permetterà di capire chi è a rischio di morte per Covid-19

dic22021

Un nuovo biomarcatore permetterà di capire chi è a rischio di morte per Covid-19

La quantità di RNA virale di Sars-CoV-2 presente nel sangue è un indicatore affidabile per rilevare quali pazienti sono a rischio di morire a causa della malattia, secondo uno studio pubblicato su Science Advances, e diretto da Daniel Kaufmann...
transparent
Covid-19, l’efficacia del vaccino varia nel tempo dopo la seconda dose. Ecco come

dic12021

Covid-19, l’efficacia del vaccino varia nel tempo dopo la seconda dose. Ecco come

In una vasta popolazione di adulti testati per SARS-CoV-2 mediante RT-PCR dopo due dosi di vaccino a mRNA BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) è stato osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda...
transparent
Esposizione al mercurio, il consumo di pesce e frutti di mare non aumenta il rischio di decesso

dic12021

Esposizione al mercurio, il consumo di pesce e frutti di mare non aumenta il rischio di decesso

Secondo uno studio pubblicato su JAMA Network Open , in una coorte di adulti statunitensi, il consumo di pesce e frutti di mare e l'esposizione al mercurio per livello di consumo di tali alimenti non sono significativamente associati al rischio di...
transparent
Inibitori BACE1, dall’Alzheimer al glioblastoma ecco il quadro

nov302021

Inibitori BACE1, dall’Alzheimer al glioblastoma ecco il quadro

Gli inibitori di BACE1 , originariamente pensati per aiutare a curare l'Alzheimer, sembrano essere farmaci promettenti nel trattamento del glioblastoma, il tipo più comune e letale di tumore cerebrale primario, secondo uno studio pubblicato su...
transparent
Covid-19, le misure di sanità pubblica non farmacologiche devono continuare. Lo studio

nov302021

Covid-19, le misure di sanità pubblica non farmacologiche devono continuare. Lo studio

Diverse misure di protezione personale e sociali, tra cui il lavaggio delle mani, l'uso della mascherina e il distanziamento fisico, sono associate alla riduzione dell'incidenza di Covid-19, e bisognerebbe continuare a metterle in atto insieme alla vaccinazione,...
transparent
La pandemia ha ridotto le visite mediche per chi ne aveva più bisogno. Il bilancio in uno studio

nov292021

La pandemia ha ridotto le visite mediche per chi ne aveva più bisogno. Il bilancio in uno studio

Una persona su cinque ha evitato di rivolgersi all'assistenza sanitaria durante il lockdown dovuto alla pandemia di Covid-19, e questa situazione si è verificata spesso per sintomi potenzialmente urgenti, secondo quanto riferisce uno studio pubblicato...
transparent
La seconda infezione da Covid-19 è generalmente più lieve e quasi mai grave

nov262021

La seconda infezione da Covid-19 è generalmente più lieve e quasi mai grave

Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine , chi viene reinfettato da SARS-CoV-2 può eventualmente sviluppare una seconda infezione da Covid-19, ma quasi sempre in forma più lieve della prima, e comunque solo molto...
transparent
L’inquinamento atmosferico favorisce la manifestazione clinica di Covid-19

nov252021

L’inquinamento atmosferico favorisce la manifestazione clinica di Covid-19

L'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico è associata a un rischio più elevato di sviluppare Covid-19 in caso di infezione, secondo uno studio pubblicato su Environment Health Perspectives. «Alcuni lavori suggeriscono che...
transparent
Gli antistaminici di seconda generazione migliorano i risultati dell’immunoterapia

nov252021

Gli antistaminici di seconda generazione migliorano i risultati dell’immunoterapia

Secondo uno studio pubblicato su Cancer Cell , gli antistaminici da banco di seconda generazione sembrano migliorare gli esiti dei pazienti affetti da cancro trattati con terapie anti-PD-1/PD-L1 per diversi tipi di tumore. «Pensiamo che i nostri risultati...
transparenttransparent
Per vedere le news dell'ultimo mese cliccare su Pagina Successiva.
Per vedere tutto l'archivio cliccare qui
transparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi