Clinica

Clostridium difficile, un nuovo trattamento basato sul microbioma potrebbe aiutare nella gestione

feb22023

Clostridium difficile, un nuovo trattamento basato sul microbioma potrebbe aiutare nella gestione

Secondo uno studio pubblicato su JAMA Network Open, un trattamento basato sul microbioma (SER-109) è associato a un significativo miglioramento della qualità della vita nei pazienti con infezioni ricorrenti da Clostridium difficile ( C....
transparent
I batteri Gram-negativi sono responsabili di infezioni ospedaliere in molti portatori sani

feb12023

I batteri Gram-negativi sono responsabili di infezioni ospedaliere in molti portatori sani

Secondo uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i portatori di batteri Gram-negativi multiresistenti hanno una probabilità del 14% di sviluppare un'infezione resistente agli antibiotici in 30 giorni di ricovero in ospedale. «Abbiamo...
transparent
Celiachia aumenta il rischio di problemi cardiovascolari anche senza fattori di rischio

feb12023

Celiachia aumenta il rischio di problemi cardiovascolari anche senza fattori di rischio

Le persone affette da celiachia, anche se presentano meno fattori di rischio noti per le malattie cardiovascolari, hanno comunque una possibilità maggiore di sviluppare tali patologie, secondo uno studio pubblicato su BMJ Medicine. «Questo lavoro...
transparent
Covid-19, prima causa di morte per malattie infettive negli Usa. Lo studio Cdc

gen312023

Covid-19, prima causa di morte per malattie infettive negli Usa. Lo studio Cdc

Covid è stata la prima causa di morte per malattie infettive o respiratorie negli under 19 negli Stati Uniti, dal primo agosto 2021 al 31 luglio 2022. Nello stesso periodo, tra 0 e 19 anni, negli Usa l'infezione da Sars-CoV-2 si è classificata...
transparent
Test di risonanza magnetica, intelligenza artificiale a confronto con esami convenzionali

gen312023

Test di risonanza magnetica, intelligenza artificiale a confronto con esami convenzionali

Secondo alcuni ricercatori l'intelligenza artificiale (AI) consentirebbe di eseguire scansioni di risonanza magnetica (MRI) più velocemente e con non meno accuratezza rispetto gli esami già esistenti. Secondo gli scienziati si potrebbero...
transparent
Long Covid, ecco che cosa provoca la stanchezza cronica

gen302023

Long Covid, ecco che cosa provoca la stanchezza cronica

Se la pandemia fa meno paura, la nuova emergenza è il long Covid, che colpisce 1 persona su 3, anche tra i giovani, contagiata dal virus. Secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, sarebbero 65 milioni nel mondo e 17 milioni...
transparent
L’isolamento delle case ha una grande importanza nel miglioramento della salute

gen302023

L’isolamento delle case ha una grande importanza nel miglioramento della salute

Secondo uno studio di modellazione pubblicato su Lancet Planetary Health, l'implementazione di politiche "net zero", volte a ricercare la riduzione delle emissioni indirette di carbonio dai fornitori a monte fino agli utenti finali, comporterebbe sostanziali...
transparent
Alcuni virus sono correlati alla neurodegenerazione. Ecco quali

gen272023

Alcuni virus sono correlati alla neurodegenerazione. Ecco quali

Secondo uno studio pubblicato su Neuron, alcune infezioni virali hanno un effetto negativo sul cervello, e aumentano la probabilità di sviluppare malattie neurodegenerative. «Recenti scoperte hanno collegato il virus Epstein-Barr a un aumento del...
transparent
Malattia renale cronica, gli omega 3 presenti nel pesce riducono lievemente il rischio

gen272023

Malattia renale cronica, gli omega 3 presenti nel pesce riducono lievemente il rischio

Livelli più elevati di acidi grassi omega 3 presenti nel pesce e nei frutti di mare sono associati a un rischio moderatamente inferiore di malattia renale cronica e a un declino più lento della funzionalità renale, secondo uno studio...
transparent
Sindrome Vexas, l’incidenza più alta di quanto si pensasse. Ecco che cos’è

gen262023

Sindrome Vexas, l’incidenza più alta di quanto si pensasse. Ecco che cos’è

Circa 13.200 uomini e 2.300 donne di età superiore ai 50 anni negli Stati Uniti soffrono della sindrome VEXAS, a lungo considerata una malattia misteriosa fino a quando la sua base genetica non è stata identificata nel 2020, secondo uno...
transparenttransparent
Per vedere le news dell'ultimo mese cliccare su Pagina Successiva.
Per vedere tutto l'archivio cliccare qui
transparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi