Fattori biologici

giu82011

Copeptina e NT-proBnp marker di grave rischio di vita

Nei pazienti anziani che presentano sintomi di scompenso cardiaco, elevate concentrazioni di copeptina (marker surrogato della vasopressina) oppure la combinazione di alte concentrazioni di copeptina e di NT-proBnp risultano associate a un aumentato rischio...
transparent

apr282011

Tre marcatori per calcolare il rischio da nefropatia cronica

Rispetto all'uso della sola creatinina, un approccio basato su tre biomarker - cioè sull'aggiunta della cistatina C e del rapporto urinario albumina/creatinina (Acr) - migliora l'identificazione del rischio associato alla nefropatia cronica (Ckd) e...
transparent

apr122011

Impiego dell’apixaban nella fibrillazione atriale

Un altro anticoagulante orale si affaccia sulla scena della terapia antitrombotica nella fibrillazione atriale (FA). Si tratta dell’apixaban (A), un inibitore orale diretto e competitivo del fattore Xa. Tale farmaco alla dose di 2.5 mg due volte al dì...
transparent

mar222011

Metanalisi Cochrane su effetti collaterali di nove biologici

I farmaci biologici, qualunque sia l'indicazione per cui sono somministrati, sono gravati da tassi di eventi avversi a breve termine significativamente più elevati rispetto ai trattamenti di controllo, da frequenti sospensioni per eventi avversi e a...
transparent

mar22011

Un nuovo indice prognostico per il cancro della prostata

Lo score Ccp (progressione del ciclo cellulare) è un valido marker prognostico che, dopo ulteriore validazione, potrebbe svolgere un ruolo di primaria importanza nel determinare il trattamento appropriato da somministrare ai pazienti con carcinoma prostatico....
transparent

feb252011

Fa: rischio ictus ridotto con apixaban

Nei pazienti con fibrillazione atriale non candidabili alla terapia con antagonisti della vitamina K come il warfarin, l’impiego di apixaban (inibitore del fattore Xa)  riduce il rischio di ictus o embolia sistemica in modo statisticamente superiore...
transparent

feb232011

Troponina I aumenta il rischio anche con minime elevazioni

I pazienti che, all’ammissione ospedaliera per fibrillazione atriale, mostrano livelli anche solo leggermente elevati di troponina I possono essere a maggiore rischio di morte per ogni causa ed eventi avversi maggiori cardiaci (Mace). La rilevazione di...
transparent

gen202011

Dai vasi retinici un nuovo marker dell’artrite reumatoide

I pazienti con artrite reumatoide (Ar) presentano una dilatazione del calibro delle venule retiniche che riflette l’infiammazione sistemica e l’aumento del rischio cardiovascolare, divenendo potenzialmente marker di quest’ultimo e di attività di malattia....
transparent

gen122011

Vaccino adiuvato antinfluenza A H1N1: meno antigeni, più anticorpi

Contro un'eventuale pandemia influenzale sarebbe importante poter disporre di adiuvanti per allestire vaccini con meno antigeni, consentendo di predisporre un numero maggiore di dosi. Assumono rilevanza in quest’ottica i risultati ottenuti da Karl G....
transparent

dic222010

Iperuricemia come marker di rischio nello scompenso cardiaco

Una analisi dei dati di laboratorio dei 1.152  pazienti con scompenso cardiaco, classe II/IV NYHA  e frazione di eiezione inferiore al 30%, arruolati dal 1992 al 1994 nel PRAISE Trial (The Prospective Randomized Amlodipine Survival Evaluation...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi