Fattori biologici

dic172010

Metanalisi olandese boccia marker di infarto miocardico

Contrariamente a quanto prospettato in varie ricerche, la misurazione dei livelli circolanti di proteina cardiaca legante gli acidi grassi (H-Fabp) - utilizzata come test autonomo - non soddisfa i requisiti richiesti per una sicura diagnosi precoce dell’infarto...
transparent

dic92010

Paracetamolo e FANS: c’è differenza?

Poiché la terapia antinfiammatoria tradizionale è associata al rischio di ipertensione [anche se non tutti gli antinfiammatori non steroidei (NSAIDS) sono uguali in questo senso - vedi tabella], le Linee Guida raccomandano l’uso del paracetamolo o acetaminofene...
transparent

nov232010

Microalbuminuria: marker importante di danno renale?

Ormai si può affermare che la microalbuminuria (MA), specialmente se combinata col filtrato glomerulare stimato (eGFR), è utile come biomarker per un aumentato rischio di morte per tutte le cause, eventi cardiovascolari, insufficienza renale e insufficienza...
transparent

ott202010

Una coppia di biomarcatori-chiave per lo scompenso cardiaco

Il peptide natriuretico di tipo B e il rapporto albuminuria/creatininuria costituiscono fattori-chiave di rischio per uno scompenso cardiaco (Hf) di nuova insorgenza, e hanno un’utilità predittiva incrementale rispetto ai fattori di rischio...
transparent

giu152010

Calcolo del rischio cv più preciso con tre marker in più

La misurazione dei livelli ematici di frammento aminoterminale del pro-peptide natriuretico cerebrale (Nt-proNb), proteina C-reattiva (Pcr) e troponina I sensibile, ossia di biomarker aggiuntivi rispetto a quelli impiegati nella pratica convenzionale,...
transparent

set142009

Esercizio riduce PCR dopo la menopausa

Un programma di esercizio moderato della durata di 12 mesi riduce i livelli di proteina C reattiv (PCR) nelle donne inizialmente obese dopo la menopausa. PCR, SAA ed IL-6 sono marcatori non specifici di infiammazione cronica di basso grado correlata ad...
transparent

lug202009

Coronaropatie acute e ruolo NT-ProBNP

Cardiologia-cardiopatia ischemica L’NT-ProBNP (N-terminal Brain Natriuretic Peptide) è risultato l’unico di una serie di biomarcatori ad aggiungere significative informazioni prognostiche ai fattori di rischio convenzionali nei sei mesi...
transparent

lug82009

Peptide natriuretico e rischio ictus

Neurologia-vasculopatie cerebrali I frammenti N-terminali plasmatici del peptide natriuretico possono aiutare a prevedere il rischio di ictus e fibrillazione atriale nel sesso maschile. La valenza prognostica dei peptidi natriuretici è ben nota...
transparent

giu162009

Marcatori infiammatori indicano la sopravvivenza

I livelli sistemici di proteina C-reattiva (CRP) e dell’amiloide A sierica (SAA), parametri relativi all’infiammazione cronica di basso grado, sono inversamente associati alla sopravvivenza nelle pazienti con tumore mammario. Il dosaggio della...
transparent

feb182009

Varianti geni ANP, BNP riducono pressione

Cardiologia-ipertensione Comuni varianti nei geni che producono ANP (Atrial Natriuretic Peptide) e BNP (Brain Natriuretic Peptide)sono associate ad una riduzione della pressione. Si tratta della prima volta in cui si dimostra chiaramente che il sistema...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi