Fattori biologici

feb132009

Omocisteina predittiva nei grandi anziani

Il dosaggio plasmatico dell’omocisteina risulta l’unico fattore predittivo di mortalità per cause cardiovascolari nei soggetti di età molto avanzata. Queste le conclusioni di uno studio osservazionale, condotto su un campione di...
transparent

ott152008

NT-pro-BNP e rischio cardiaco in dialisi

Endocrinologia-diabete L’incremento dei livelli di NT-pro-BNP è associato ad un peggioramento degli esiti cardiovascolari per i pazienti diabetici in dialisi. BNP ed NT-pro-BNP sono associati a morbidità e mortalità in un’ampia...
transparent

ott22008

Embolia: BNP connesso ad esiti

Pneumologia-embolie Elevati livelli di BNP o di NT-pro-BNP sono marcatori di rischio di complicazioni intraospedaliere e mortalità nei pazienti con embolia polmonare acuta. Questi parametri sono infatti significativamente associati alla presenza...
transparent

giu32008

BPCO: natriuretico tipo B non predice mortalità

Pneumologia-BPCO Benchè i livelli di peptide natriuretico di tipo B (BNP) siano significativamente elevati durante le riacutizzazioni della BPCO, essi non risultano predittivi di susseguente mortalità in questi pazienti. Il BNP è un ...
transparent

set242007

Celiachia, non solo glutine

Castroenterologia-morbo celiaco La tempistica e l’ordine di comparsa di cinque anticorpi associati al morbo celiaco suggeriscono che potrebbero esservi implicati fattori scatenanti diversi dal glutine nella dieta, almeno in parte, per la comparsa...
transparent

lug232007

Coronaropatie: peptide natriuretico B aiuta nella prognosi

Cardiopatia ischemica Nei pazienti a basso rischio con coronaropatie stabili, il peptide natriuretico B (BNP) fornisce buone informazioni prognostiche in aggiunta ai fattori di rischio tradizionali. Il valore prognostico di questo parametro in questi...
transparent

mag212007

Ipertensione: conta leucocitaria connessa a rischi

Cardiologia-ipertensione Un’elevata conta leucocitaria è indicativa della morbidità cardiovascolare nei pazienti con pressione elevata, e ciò potrebbe essere dovuto ad un’associazione con la presenza di uno stato infiammatorio...
transparent

feb282007

Insufficienza cardiaca: depressione peggiora esiti

Cardiologia La depressione clinica aumenta in modo significativo il rischio di morte o ricovero per cause cardiovascolari nei pazienti con insufficienza cardiaca, indipendentemente dalla gravità della sindrome. Il presente studio conferma i risultati...
transparent

gen232007

Fattori psicologici alimentano infiammazione ed aumentano rischio cardiovascolare

La mancanza di fiducia a livello clinico, la depressione e lo stress cronico sono connessi ad elevati livelli di marcatori infiammatori, con chiari segni di un effetto soglia. E’ possibile che lo stress sia associato ad obesità e diabete, il...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi