Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Nei bambini e adolescenti l’emicrania e i disturbi gastrointestinali funzionali sono collegati
Administrator
#1 Inviato : domenica 18 settembre 2016 16:02:31(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 8.114

NEI BAMBINI E ADOLESCENTI L’EMICRANIA E I DISTURBI GASTROINTESTINALI FUNZIONALI SONO COLLEGATI


Tre disturbi funzionali gastrointestinali con dolori addominali si associano all'emicrania in bambini e adolescenti, aprendo la strada a studi volti a indagare se i farmaci contro l'emicrania siano efficaci anche nelle patologie funzionali gastroenteriche. Lo sostiene Luigi Titomanlio , della Pediatric Migraine & Neurovascular Disease Clinic, al Robert Debré Hospital di Parigi, Francia, coordinatore di uno studio caso controllo pubblicato su The Lancet Gstroenterology and Hepatology....

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

Daniela Pelotti
#2 Inviato : domenica 18 settembre 2016 16:02:32(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 67

 Per anni si è detto che l'unico rapporto tra cibo e mal di testa dipendeva dall'effetto scatenante provocato da cibi come cioccolato, vino o formaggio; solo pochi ricercatori parlavano della connessione tra l'infiammazione provocata dalle reazioni infiammatorie agli alimenti e l'emicrania. Oggi invece si sa con certezza che può esistere una infiammazione dei tessuti nervosi causata dal cibo quotidiano. Cefalea, emicrania e comunque il mal di testa in genere possono essere quindi provocati dalla assunzione ripetuta di alcuni tipi di cibo verso cui esista una specifica reattività alimentare. La notizia è stata pubblicata sulla rivista Neurology già dal 2001 (Hadjivassiliou M et al, Neurology 2001 Feb 13;56(3):385-388); i ricercatori britannici, del Dipartimento di Neurologia dell'ospedale di Sheffield hanno studiato un gruppo di persone celiache (cioè con ipersensibilità nei confronti del glutine, proteina presente nella farina di frumento e in altri cereali) che soffrivano anche di mal di testa. Si è potuto verificare che il loro mal di testa era legato ad una lieve, ma persistente condizione di infiammazione dei tessuti nervosi (verificata con Risonanza Magnetica) e dipendeva strettamente dalla introduzione di sostanze alimentari contenenti glutine. In nove su dieci persone controllate si è potuto verificare che il mal di testa scompariva completamente mantenendo una dieta priva di glutine, e ricompariva reintroducendolo nell'alimentazione. La decima persona, non valutabile, si è semplicemente rifiutata di mettersi a dieta! Il lavoro, pubblicato nel 2001 e già rivoluzionario di per sé non tiene in considerazione le recentissime scoperte relative alla gluten sensitivity che sono state presentate solo alcuni anno dopo la pubblicazione su Neurology con i tanti lavori già discussi su Eurosalus. In uno studio pubblicato su Medical Hypotheses nel 2009 (Med Hypotheses. 2009 Sep;73(3):438-40) si ipotizza l'esistenza di uno stretto rapporto tra glutine e sintomi neurologici come il mal di testa, tanto da spingere l'autore del lavoro a teorizzare una sindrome da glutine ("The Gluten Syndrome"). Infatti da anni seguiamo in SMA persone con tematiche di cefalea e/o emicrania attraverso percorsi terapeutici specifici che partono dallo studio del profilo personale individuale e dal controllo dell'infiammazione da cibo. Si tratta di notizie che riaprono una serie di considerazioni sulle cause e sulla possibilità di affrontare in modo non solo farmacologico il mal di testa: Il mal di testa può dipendere da un fenomeno infiammatorio persistente, anche se lieve. Questa infiammazione può dipendere da una ipersensibilità verso uno o più alimenti. Una dieta corretta può ristabilire l'equilibrio e favorire la guarigione senza usare farmaci. Sono tre considerazioni e possibilità che aprono per milioni di persone delle prospettive nuove, grazie alle quali si può valorizzare la personale capacità di risposta, e non solo la utilizzazione di sostanze farmacologiche. http://www.eurosalus.com...sta-dipende-da-un-panino

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.


chiudi