Ischemia miocardica

apr202009

L'emicrania in gravidanza aumenta il rischio CV

La presenza di emicrania durante la gravidanza potrebbe essere associata a un aumentato rischio di patologie cardiovascolari (CV), in particolare ictus e infarto miocardico. è quanto emerge da una vasta analisi di popolazione condotta negli Stati...
transparent

mar302009

Infarto: beta-bloccanti ostacolano statine

Cardiologia-cardiopatia ischemica I livelli di CRP risultano molto più ampiamente ridotti con la sola somministrazione di statine che con l’aggiunta di beta-bloccanti dopo un infarto acuto., il che indica che questi ultimi farmaci attenuino...
transparent

mar162009

Infarto: diminuire glicemia aumenta sopravvivenza

Cardiologia-cardiopatia ischemica I pazienti con infarto acuto ed iperglicemia al momento del ricovero ospedaliero il cui livelli glicemici scendono fino alla normalità durante la degenza hanno maggiori probabilità di sopravvivenza: tale probabilità...
transparent

feb52009

Infarto: tachicardia a riposo aumenta il rischio

Cardiologia-cardiopatia ischemica Un’elevata frequenza cardiaca a riposo è associata ad un incremento del rischio di infarto o mortalità per cause coronariche nelle donne. Diversi studi avevano già dimostrato questo rischio nel...
transparent

gen112009

Infarto: utile le leggi antifumo

Cardiologia-cardiopatia ischemica La riduzione nei ricoveri per infarto miocardico che è stata osservata dopo l’applicazione di una legge sul divieto di fumare si mantiene per un periodo esteso. Le politiche di esclusione del fumo sono dunque...
transparent

nov232008

Dolore toracico: ECG non influenza la prognosi

Cardiologia-cardiopatia ischemica L’ECG apporta uno scarso valore incrementale alla valutazione clinica nella prognosi dei pazienti con sospetta angina. Ciò enfatizza l’importanza dell’anamnesi e dell’esame obiettivo in questi...
transparent

nov182008

Infarto prevenuto in seconda linea

Cardiologia-cardiopatia ischemica I pazienti coronaropatici che frequentano reparti infermieristici per la prevenzione secondaria presentano una riduzione della mortalità e degli eventi cardiaci entro un anno. Anche iniziando lo stesso tipo di pratica...
transparent

nov122008

Infarto: prevenzione contro le ricadute

Cardiologia-cardiopatia ischemica Nei pazienti sopravvissuti ad un infarto, la partecipazione ad un programma di prevenzione secondaria intensiva della durata di tre anni dopo la riabilitazione cardiaca riduce il rischio di un secondo infarto non fatale...
transparent

ott302008

Infarto: cocaina connessa al rischio

Cardiologia-cardiopatia ischemica Il rischio di infarto risulta aumentato di quattro volte nei giovani adulti che hanno fatto uso di cocaina per più di 10 volte nella loro vita, il che in base a quanto rilevato negli USA riguarda più del 10...
transparent

ott272008

Infarto: escrezione albumina indica rischio

Cardiologia-cardiopatia ischemica Un incremento precoce nell’albumina urinaria a seguito di un infarto miocardico acuto rappresenta un forte ed indipendente fattore predittivo di esiti clinici negativi a lungo termine. Il rapporto albumina/creatinina...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi