Ischemia miocardica

set232008

Smettere di fumare evita ictus e infarto

Cardiologia-cardiopatia ischemica Smettere di fumare è associato ad una diminuzione del rischio di ictus ischemico, emorragie subaracnoidali ed infarto miocardico, ma i benefici della riduzione del fumo sono meno netti. I fumatori moderati che hanno...
transparent

lug22008

Cattiva prognosi se il trombo parte dallo stent

Cardiologia-cardiopatia ischemica Rispetto ai pazienti che vanno incontro ad uno STEMI de-novo, quelli con uno STEMI derivante da una trombosi di uno stent tendono ad avere esiti clinici più negativi. Benchè tutto sembri indicare un decorso...
transparent

mag122008

MDCT cardiaca: comuni reperti accidentali

Cardiologia-cardiopatia ischemica I reperti accidentali sono comuni negli adulti sani sottoposti a MDCT cardiaca. I medici devono dunque essere consapevoli del fatto che questi reperti, ed in particolare noduli polmonari, sono comuni durante le MDCT cardiache...
transparent

nov252007

Tromboembolia venosa e rischio cardiovascolare

Cardiologia-arteriopatie periferiche I pazienti con tromboembolia venosa presentano un sostanziale rischio a lungo termine di susseguenti eventi arteriosi cardiovascolari, come infarto ed ictus. Precedenti studi sull’associazione fra tromboembolia...
transparent

ott12007

Ischemia, primi indizi contro il gasolio

Cardiopatia ischemica Una breve esposizione ai fumi residuali diluiti del gasolio durante l’esercizio può promuovere l’ischemia miocardica e inibisce la capacità fibrinolitica endogena negli uomini con coronaropatie stabili. I dati...
transparent

ott12007

Il G-CSF nel rimodellamento ventricolare

Cardiopatia ischemica A seguito di un intervento percutaneo riuscito, dopo un ampio infarto miocardico acuto, il G-CSF previene il rimodellamento ventricolare sinistro. Questo fenomeno, quando si verifica, porta a una dilatazione del ventricolo sinistro...
transparent

ott12007

Il peso è comunque un fattore di rischio

Cardiopatia ischemica Anche i soggetti moderatamente in sovrappeso presentano un aumento dei rischio di coronaropatie indipendentemente dagli effetti del loro peso su pressione e colesterolo. Era già noto che i soggetto obesi siano a maggior rischio...
transparent

set132007

Infarto acuto raro negli adolescenti

Cardiologia-cardiopatia ischemica L’infarto miocardico acuto è piuttosto raro fra gli adolescenti, ma quando interviene è spesso associato ad abuso di droghe, tabacco e sesso maschile. Bench� l’infarto miocardico sia considerato...
transparent

set102007

Indice rischio genetico prevede cardiopatie

Cardiopatia ischemica Un indice di rischio genetico che incorpora una dozzina di polimorfismi di un singolo nucleotide (SNP) migliora la previsione delle coronaropatie incidenti. Molti studi hanno investigato singoli fattori di rischio genetici per le...
transparent

set32007

L’iperglicemia a digiuno è un brutto segno

Cardiopatia ischemica Un quarto dei pazienti infartuati presentano elevati livelli glicemici a digiuno, e la presenza di una glicemia al di sopra dei 110 mg/dl a digiuno è predittiva di mortalità cardiovascolare e di insufficienza cardiaca...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi