Neoplasie della prostata

Cancro alla prostata, dopo la diagnosi il rischio di tromboembolismo venoso aumenta del 50%

mag262022

Cancro alla prostata, dopo la diagnosi il rischio di tromboembolismo venoso aumenta del 50%

Secondo uno studio pubblicato su BMJ Open, gli uomini con cancro alla prostata hanno un rischio aumentato del 50% di sviluppare tromboembolismi venosi (TEV) gravi e potenzialmente fatali durante i cinque anni successivi alla diagnosi di tumore, rispetto...
transparent
Cancro alla prostata, una nuova ecografia potrebbe sostituire la risonanza nella rilevazione dei casi

mar72022

Cancro alla prostata, una nuova ecografia potrebbe sostituire la risonanza nella rilevazione dei casi

Secondo uno studio pubblicato su Lancet Oncology, l'ecografia multiparametrica (mpUSS), un nuovo tipo di ecografia, può diagnosticare la maggior parte dei casi di cancro alla prostata. Attualmente negli uomini a rischio di cancro alla prostata...
transparent
Cancro alla prostata, una nuova metodica di imaging per migliorare la diagnosi

dic152021

Cancro alla prostata, una nuova metodica di imaging per migliorare la diagnosi

Secondo uno studio pubblicato su JAMA Network Open, la PET/TC con PSMA, una tecnica di imaging recentemente approvata, migliora la stratificazione del rischio e le capacità prognostiche a lungo termine per i pazienti con cancro alla prostata ...
transparent
Cancro della prostata, con risonanza magnetica ed esami del sangue lo screening universale è più vicino

lug192021

Cancro della prostata, con risonanza magnetica ed esami del sangue lo screening universale è più vicino

L'utilizzo di risonanza magnetica (RMN) e biopsie mirate potrebbe potenzialmente dimezzare le sovradiagnosi dovute a screening per il cancro della prostata , secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine. «La maggior parte dei paesi...
transparent
Cancro alla prostata, un nuovo test sulle urine per identificarlo e predirne aggressività

apr302021

Cancro alla prostata, un nuovo test sulle urine per identificarlo e predirne aggressività

Secondo uno studio pubblicato su Cancers, un nuovo test sperimentale, noto come ExoGrail, può indicare non solo la presenza del cancro alla prostata , ma anche l'aggressività della malattia, e potrebbe ridurre del 35% il numero di biopsie...
transparent
Cancro della prostata, consumare più caffè potrebbe ridurre i rischi

gen122021

Cancro della prostata, consumare più caffè potrebbe ridurre i rischi

Bere più tazze di caffè ogni giorno sarebbe collegato a un rischio minore di sviluppare il cancro della prostata , secondo uno studio pubblicato su Bmj Open. «Ogni tazza giornaliera aggiuntiva è stata associata a una riduzione...
transparent
Tumore prostata, ok della Commissione europea per opzione terapeutica target

nov172020

Tumore prostata, ok della Commissione europea per opzione terapeutica target

Olaparib ha ricevuto l'approvazione europea come monoterapia nel trattamento dei pazienti adulti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione (mCrpc) con mutazioni BRCA1/2 (germinale e/o somatica) in progressione da precedente terapia...
transparent
Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

ott72020

Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

Il cancro alla prostata è il tipo di cancro più comune negli uomini, con circa 37.000 nuovi casi diagnosticati in Italia nel 2019. Circa il 20-30% degli uomini con tumore della prostata metastatico resistente alla castrazione (mCrpc) presenta...
transparent
Cancro prostata, 450 mila nuovi casi all’anno. Le iniziative della Siu per la Urology Week

set222020

Cancro prostata, 450 mila nuovi casi all’anno. Le iniziative della Siu per la Urology Week

Il cancro della prostata è diventato il tumore più frequente in Europa e ogni anno viene diagnosticato a circa 450 mila uomini. Con l'obiettivo di aumentare informazione e consapevolezza sulla malattia, è partita il 21 settembre...
transparent
Covid-19, la terapia di deprivazione androgenica riduce il rischio di malattia

mag112020

Covid-19, la terapia di deprivazione androgenica riduce il rischio di malattia

Secondo uno studio pubblicato su Annals of Oncology, gli uomini trattati con terapia di deprivazione androgenica (Adt) per il carcinoma prostatico sono meno a rischio di ammalarsi di Covid-19. «I pazienti con carcinoma della prostata in terapia con...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi