Pianeta Farmaco

Alzheimer, nuovo farmaco ridurrebbe del 27% la progressione della malattia. I risultati del trial

set282022

Alzheimer, nuovo farmaco ridurrebbe del 27% la progressione della malattia. I risultati del trial

La molecola sperimentale lecanemab somministrata nelle prime fasi della malattia a quasi 2mila pazienti, è risultata in grado di ridurre del 27% la progressione dell'Alzheimer. Sono i risultati dello studio di fase III Clarity AD annunciati dalle...
transparent
Biosimilari anti-TNF-alfa, best practice in reumatologia, dermatologia e gastroenterologia. Evento Ecm a Roma

set282022

Biosimilari anti-TNF-alfa, best practice in reumatologia, dermatologia e gastroenterologia. Evento Ecm a Roma

Gli inibitori del TNF-alfa, all'interno dello scenario terapeutico relativo alle malattie infiammatorie immuno-mediate (IMID), hanno avuto e mantengono ancora oggi una posizione di primaria importanza. Il solido profilo in termini di rapporto beneficio/rischio...
transparent
Antibiotici, uso eccessivo con la pandemia. Nuove linee guida per limitarne l’uso

set282022

Antibiotici, uso eccessivo con la pandemia. Nuove linee guida per limitarne l’uso

Come prevenire l'uso inappropriato di antibiotici durante eventuali future pandemie ed evitare alcuni degli scenari che si sono visti durante la Covid-19? A fornire risposte una pubblicazione della Society for Healthcare Epidemiology of America (SHEA),...
transparent
Asma grave, approvato in Ue farmaco per il trattamento delle forme gravi

set282022

Asma grave, approvato in Ue farmaco per il trattamento delle forme gravi

Tezepelumab è stato approvato nell'Unione Europea come terapia aggiuntiva di mantenimento nei pazienti di età pari o superiore a 12 anni affetti da asma grave non adeguatamente controllato nonostante l'utilizzo di corticosteroidi inalatori...
transparent
Covid-19, approvata in Europa combinazione di anticorpi per le forme gravi

set272022

Covid-19, approvata in Europa combinazione di anticorpi per le forme gravi

La combinazione di tixagevimab e cilgavimab è stata approvata nell'Unione europea per il trattamento di Covid-19 in pazienti adulti e adolescenti dai 12 anni di età e 40 kg di peso, in base ai risultati dello studio di fase III TACKLE, nel...
transparent
Asma, pubblicati i risultati dello studio APPaRENT-2. Ecco cosa è emerso sul fronte della gestione clinica

set262022

Asma, pubblicati i risultati dello studio APPaRENT-2. Ecco cosa è emerso sul fronte della gestione clinica

Sono stati pubblicati i risultati dello studio APPaRENT-2, un'indagine internazionale tra medici e pazienti in 5 Paesi, che ha analizzato le abitudini prescrittive degli uni e le preferenze degli altri per quanto riguarda la terapia dell'asma. APPaRENT-2...
transparent
Melanoma, approvata in Europa associazione a dose fissa per trattamento di prima linea

set262022

Melanoma, approvata in Europa associazione a dose fissa per trattamento di prima linea

La Commissione Europea (Ce) ha approvato l'associazione a dose fissa di nivolumab e relatlimab, per il trattamento di prima linea del melanoma avanzato (non resecabile o metastatico) negli adulti e negli adolescenti di età pari o superiore a 12...
transparent
Spondilite anchilosante, rimborsabile in Italia il primo inibitore orale di Jak

set232022

Spondilite anchilosante, rimborsabile in Italia il primo inibitore orale di Jak

L'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha approvato la rimborsabilità in Italia di RINVOQ (upadacitinib, 15 mg) di AbbVie, il primo inibitore orale selettivo e reversibile di JAK che può essere assunto una volta al giorno, per il trattamento...
transparent
Farmaceutica, Gruppo Chiesi si ricertifica come B Corp. I nuovi obiettivi 2025

set232022

Farmaceutica, Gruppo Chiesi si ricertifica come B Corp. I nuovi obiettivi 2025

Il gruppo Chiesi rinnova il proprio impegno verso la creazione di una comunità di imprese che credono nel perseguimento di un diverso tipo di economia, inclusiva, equa e rigenerativa e si ricertifica come azienda B Corp con un punteggio di 103,8...
transparent
L’aggiunta di aspirina all’anticoagulante può aumentare i rischi. Ecco in quali casi

set222022

L’aggiunta di aspirina all’anticoagulante può aumentare i rischi. Ecco in quali casi

Secondo uno studio pubblicato su JAMA Network Open, quando i pazienti che assumono un anticoagulante smettono di associare a esso l'aspirina, il loro rischio di complicanze emorragiche diminuisce in modo significativo. I ricercatori hanno studiato più...
transparenttransparent
Per vedere le news dell'ultimo mese cliccare su Pagina Successiva.
Per vedere tutto l'archivio cliccare qui
transparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi