Rivascolarizzazione del miocardio

giu102014

Il tipo di cardiochirurgia non cambia la funzione renale sul lungo periodo

La funzione renale a un anno dall’intervento non mostra differenze tra i pazienti sottoposti a bypass coronarico (Cabg) non collegati a una macchina cuore-polmone rispetto a quelli operati in circolazione extracorporea anche se il danno renale post-operatorio...
transparent

ott212013

Stato di salute nei diabetici rivascolarizzati: luci e ombre

Nei pazienti con diabete e malattia coronarica (Cad) multivasale, il bypass chirurgico (Cabg) migliora lo stato di salute e la qualità di vita a medio termine rispetto all’angioplastica (Pci) con stent medicati. L'entità del beneficio, tuttavia, è modesta,...
transparent
Stessa salute e qualità di vita dopo stent medicato o bypass

ott212013

Stessa salute e qualità di vita dopo stent medicato o bypass

In presenza di diabete e coronaropatia che coinvolge più di un vaso non ci sono differenze importanti per quanto riguarda la qualità della vita e lo stato di salute dopo un intervento di bypass aorto-coronarico o il posizionamento di uno stent medicato....
transparent
Anche il genere influenza sintomi sindrome coronarica acuta

set182013

Anche il genere influenza sintomi sindrome coronarica acuta

Il dolore al petto rappresenta il sintomo più comune della sindrome coronarica acuta nei pazienti con meno di 55 anni, ma non è sempre presente ed esistono differenze nella sintomatologia di presentazione che distinguono gli uomini dalle donne. Sono questi,...
transparent

gen162013

Esiti del bypass dipendono da stratificazione del rischio

Nei pazienti affetti da diabete mellito e ischemia stabile del miocardio, una strategia basata su un tempestivo bypass aortocoronarico (Cabg, Coronary artery bypass grafting) – accompagnata da terapia medica intensiva - riduce in modo significativo il...
transparent

nov122012

In diabetici, il bypass meglio della rivascolarizzazione

Nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia coronarica avanzata, il by-pass aortocoronarico si dimostra superiore all'intervento coronarico percutaneo in quanto riduce significativamente i tassi di morte e infarto miocardico, pur con un tasso più elevato...
transparent

mag82012

Rivascolarizzazione miocardica non in urgenza: PCI o CABG?

Nei pazienti con più di 65 anni che devono essere avviati alla rivascolarizzazione coronarica non in urgenza non è del tutto chiaro quale delle due procedure tra angioplastica percutanea (PCI) o bypass coronarico (CABG) sia quella da preferire. Per tale...
transparent

apr162012

Bypass: mortalità a un mese dall'intervento cresce da nord a sud

A un mese da un intervento di bypass aorto-coronarico, il tasso medio di mortalità è pari al 2,78% . E continua a essere presente sul territorio nazionale una Sanità a più marce, che vede in testa – in linea di massima - le virtuose Regioni del nord e...
transparent

dic52011

Staminali nel post-infarto: ridotta la disfunzione ventricolare

Sono molto promettenti i primi risultati ottenuti in collaborazione con l'università di Louisville da Piero Anversa , del Brigham and women's hospital di Boston, nel trial di fase I “Scipio” (Stem cell infusion in patients with ischemic cardiomyopathy):...
transparent

ott182011

Dopo il bypass per la profilassi attenzione alla classe

Per i pazienti di età pari o superiore a 65 anni che abbiano subito un intervento di bypass aorto-coronarico (coronary artery bypass graft surgery - Cabg), il trattamento con Ace-inibitori a medio termine non si è dimostrato in grado di ridurre la mortalità...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi