Sindrome coronarica acuta

mar162018

Sindrome coronarica acuta, rischio cardiovascolare ridotto con inibitore della Pcsk9

Alirocumab riduce significativamente il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori (Mace) in pazienti con sindrome coronarica acuta (Sca) recente, come un infarto. Sono questi i risultati dello studio clinico Odyssey Outcomes presentati nel corso...
transparent

mar272017

Sindrome coronarica acuta: il rischio emorragico di rivaroxaban a basse dosi è simile a quello dell’aspirina

Da uno studio pubblicato su The Lancet, primo autore Magnus Ohman , del Duke University Medical Center di Durham, North Carolina, emerge che nel trattamento di pazienti con sindromi coronariche acute associare basse dosi di rivaroxaban e un inibitore...
transparent

dic152016

Il rischio di suicidio aumenta nei pazienti con sindrome coronarica acuta

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta aumenta il rischio di suicidio rispetto alle persone sane, secondo un articolo pubblicato sul Journal of American Heart Association firmato da Jung-Chen Chang, del College of Medicine National Taiwan University,...
transparent
Un modello per stimare il rischio dopo una sindrome coronarica acuta

mar182016

Un modello per stimare il rischio dopo una sindrome coronarica acuta

Secondo uno studio di Pierluigi Tricoci e colleghi del Duke Clinical Research Institute di Durham, in North Carolina, sull'incidenza cumulativa di morte cardiaca improvvisa nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento ST è...
transparent

mar162016

Un punteggio per identificare i pazienti a rischio dopo una sindrome coronarica acuta

In uno studio pubblicato su Jama Cardiology, Pierluigi Tricoci del Duke Clinical Research Institute di Durham in North Carolina e coautori hanno verificato l'incidenza cumulativa di morte cardiaca improvvisa durante un follow-up a lungo termine di una...
transparent
Sindrome coronarica: l’ottimismo migliora la salute cardiaca nel periodo post-acuto

dic142015

Sindrome coronarica: l’ottimismo migliora la salute cardiaca nel periodo post-acuto

Nei pazienti con sindrome coronarica post-acuta l'ottimismo, ma non la gratitudine, è prospetticamente e indipendentemente associato a una maggiore attività fisica e a un minor numero di riammissioni ospedaliere per motivi cardiaci. Lo sostiene...
transparent

nov92015

Sindrome coronarica acuta: la rivascolarizzazione precoce si associa a una prognosi migliore

Il trattamento invasivo precoce per la sindrome coronarica acuta si associa a un minor rischio a breve termine di eventi cardiaci avversi, secondo uno studio retrospettivo pubblicato su Annals of Internal Medicine, primo autore Kim Wadt Hansen del Bispebjerg...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi